Psicologia canina.it

 

a cura di Dott.ssa Gessica Degl'Innocenti

 
 

Home

Biografia

Ricerche

News

Contatti

Articoli

i Libri

Links

 
Ad ognuno il suo
Articolo del mese
Perché chiedere aiuto allo psicologo canino
Scegliere un cane
A domanda risposta
I consigli dell'esperta
L'angolo della cinofilia

Webmaster:
F.Vinattieri & S.R. Dioguardi

 

Inserimento di un cucciolo

D1. Io possiedo un pastore tedesco maschio di 7 anni, che ha un carattere molto forte e soprattutto non sopporta altri cani. Gli unici cani con i quali va d'accordo sono quelli che ha conosciuto quando era cucciolo ed in particolare un altro pastore tedesco maschio più anziano che è stato suo compagno fino a qualche settimana fa quando per vecchiaia è deceduto. A me piacerebbe prendere un altro cane, ma le reazioni del mio amico a quattro zampe, nei confronti dei suoi simili, mi frenano. Come potrei inserire nella maniera più corretta un nuovo cucciolo ? Praticamente come dovrei comportarmi appena lo porto a casa: prendo il cucciolo in braccio e lo porto dentro nel recinto del mio cane, oppure mi limito solo a lasciare il cucciolo in giro per il cortile e faccio in modo che il cane lo trovi ? è meglio mettere la museruola al cane, per evitare eventuali traumi al cucciolo?
Risponde la Dott.ssa Degl’Innocenti

La situazione in questione, se mal gestita, può essere complicata.
Il cane di casa, che ormai ha 7 anni, è abituato a vivere con il suo compagno deceduto e la sua famiglia umana, inserire al suo interno un piccolo cucciolo potrebbe sconquassare i suoi equilibri. Il comportamento di aggressività invece, può essere considerato abbastanza normale: è quasi normale infatti che un maschio adulto, non vada d'accordo con gli altri cani maschi. Se decidesse comunque di prendere un cucciolo, meglio sarebbe tentare con una femmina. Anche in una prospettiva a lungo termine, sarà sempre più facile che il maschio di casa accetti l'intrusione di una femmina, che di solito è più disposta a sottomettersi, che non di un cucciolone, in cerca di affermazione personale! Di solito è facile infatti che tra maschio e femmina si stabilisca un rapporto gregario. Il comportamento più giusto da tenere al momento dell'inserimento del cucciolo, è quello di lasciarlo libero in cortile e magari far avvicinare il cane di casa tenendolo a guinzaglio.
Non c'è bisogno della museruola, se si ha un buon controllo del cane, che va lo fatto avvicinare piano, mentre gli si parla dolcemente e lo si accarezza, cercando insomma di fargli capire che sta per succedere una cosa bella, che si sta per fare un bel incontro. Se il cane dovesse abbaiare o ringhiare al cucciolo, va immediatamente sgridato. Il cucciolo invece non corre troppi rischi; denti aguzzi e abbai prepotenti, in natura sono forse una delle prime cose a cui vanno incontro i cuccioli che lasciano la tana della madre e a questo sanno far fronte da soli: di solito si mettono a pancia in su, tirano indietro le orecchie e mettono la coda tra le gambe, proprio per far capire a chi sta davanti che non sono una minaccia ma anzi stanno mostrano tutta la loro vulnerabilità. Se il cane è abbastanza equilibrato e ben socializzato, dovrebbe capire questi comportamenti e non mordere il piccolo. Nei giorni successivi non bisogna trascurare il cane di casa; succede di frequente infatti che quando si ha per le mani un cucciolo si sia presi totalmente da lui e dalle cure che ci chiede, rischiando di far passare in secondo piano chi, fino a ieri, era "padrone" delle nostre attenzioni.