Psicologia canina.it

 

a cura di Dott.ssa Gessica Degl'Innocenti

 
 

Home

Biografia

Ricerche

News

Contatti

Articoli

i Libri

Links

 
Ad ognuno il suo
Articolo del mese
Perché chiedere aiuto allo psicologo canino
Scegliere un cane
A domanda risposta
I consigli dell'esperta
L'angolo della cinofilia

Webmaster: Federico Vinattieri

 

Quando i cambiamenti creano difficoltà

“Ciao,
da circa due anni vivo con il mio compagno, il mio cane, un incrocio con un husky, e un micio. Prima di allora il mio cane era un leader: molto irrequieto, impulsivo, viveva con l'ansia dell'abbandono e senza regole chiare, era ingestibile, ma anche adorabile!
Da quando ho cambiato casa il mio compagno ed io abbiamo cercato di educarlo al meglio, con molta fatica. Ormai sono passati due anni ed il nostro cane è diventato quasi perfetto; ha accettato le regole di questa nuova vita, ma di tanto in tanto combina dispetti per attirare l'attenzione.
Così siamo costretti a rafforzare continuamente le regole, cercando di non sgridarlo mai, anche se a volte la pazienza non basta...
Vorrei trovare la “chiave” per comunicare con lui!”
Risponde la Dott.ssa Degl’Innocenti

Credo che la “chiave” che più aiuterà questo padrone ed il suo cane a comunicare, sarà quella della pazienza e dell’accoglimento amorevole.
Il cane in questione è un husky, o per lo meno nelle sue vene scorre sangue di antenati vissuti allo stato brado, in condizioni atmosferiche al di sopra delle nostre stesse possibilità, insomma è per natura “uno tosto”!
Da un periodo dove poteva essere un leader indiscusso, si è adattato ad una nuova vita (nuova casa, nuovi inquilini etc…) divenendo un cane pressoché perfetto, anche se in qualche momento sembra non voler far scordare che il vero capo è lui! Ora è da capire se il cane è veramente insopportabile e ribelle o lo è solo in alcune occasioni passeggere. Se i momenti di ribellione sono relativamente pochi e sporadici, vi consiglio di armarvi di pazienza (ogni cane, come ogni persona, ha mille difetti, non credete a quei padroni che vi dicono che il loro cane è una pasta, facendovi sentire inadeguati e beffatti da quel essere peloso che condivide con voi gli spazi casalinghi; sarebbe come dire che i propri bimbi stanno sempre attenti, non gridano mai e sono ubbidienti ogni qual volta glielo si chiede…).
Se invece la cosa è per voi insostenibile ed il cane si comporta da bullo per molto tempo, dovrete prendere coscienza che avete un problema, a quel punto dovrete prendere in considerazione un possibile intervento. Ovviamente non c’è garanzia che il cane migliori, magari lo farà solo temporaneamente, un po’ come è successo con il cambio di stile di vita, anche se devo dire si è dimostrato in gamba: la vostra richiesta nei suoi confronti è stata radicale, gli avete chiesto molto e devo dire che ha reagito bene, si è dimostrato un buon compagno…. Molti proprietari non riescono a far accettare ai propri amici il cambiamento di giro mattutino per sporcare, figuriamoci tutto il resto!