Psicologia canina.it

 

a cura di Dott.ssa Gessica Degl'Innocenti

 
 

Home

Biografia

Ricerche

News

Contatti

Articoli

i Libri

Links

 
Ad ognuno il suo
Articolo del mese
Perché chiedere aiuto allo psicologo canino
Scegliere un cane
A domanda risposta
I consigli dell'esperta
L'angolo della cinofilia

Webmaster: Federico Vinattieri

 

“Ho appena adottato un cucciolo di 4 mesi di Bulldog Francese(una femmina) e non riesco ad addestrarla a fare i bisogni in casa su un giornale con sotto una specie di lettiera bassa. Quando fa i bisogni lontano dal giornale, le urlo gli sbatto il musetto sulla pipi', poi lo porto sopra il giornale e la accarezzo con un timbro di voce piu' dolce, ma lei non capisce. Mi puo' dire se il metodo e' giusto o come si fa'.”
Risponde la Dott.ssa Degl’Innocenti

Nonostante i numerosi consigli reperibili in molti luoghi diversi (studi veterinari, articoli divulgativi, libri pratici) ancora oggi il problema principale, quando un cagnolino entra nelle nostre case, è quello dell'educarlo nello sporcare.
La cosa più facile quando si vuole far sporcare un cucciolo in un posto preciso, che sia una lettiera o un posto fuori all'aperto, è cominciare dandogli degli orari: ogni volta che il cucciolo mangia di solito sporca, quindi potrebbe essere utile cominciare con il portare il cucciolo dove si vuole che sporchi non appena ha finito la sua pappa.
Se ad esempio il cucciolo mangia verso le 12, appena ha finito sarebbe utile portalo nella zona dove si vuole che sporchi; se magari si è deciso di mettere una lettiera nel bagno, potremmo portare il cagnolini lì, chiudere la porta e restare con lui fin quando non abbia sporcato; se invece (cosa che di solito accade più spesso) vogliamo cominciare a farlo sporcare fuori casa, portiamo a spasso appena a finito di mangiare e restiamo fuori fin a quando non ha sporcato. Di solito ci vuole molta pazienza da parte del proprietario: i cuccioli sono piccoli e, come succede per i cuccioli di uomo, spesso non sentono lo stimolo di urinare o defecare e sembrano non capire cosa devono fare.
Le prime volte potrà capitare che non sporchino fuori ed aspettino di rientrare in casa, ma capiterà anche sporcheranno fuori (o nel luogo che noi gli abbiamo riservato per questo scopo) ed allora (ma solo allora) dovranno essere ricompensati adeguatamente con coccole e magari qualche piccolo bocconcino.
A niente serve invece sbattergli il musetto nell'urina o nelle feci, tanto meno sgridarli. Se sporcano per la casa e vengono sgridati dopo che è passato del tempo da questa loro azione non capiranno perchè vengono sgridati e si otterrà solo uno spavento incompreso...magari il padrone sfogherà la sua rabbia, ma non otterrà ciò che vuole, ossia fargli sporcare in un posto che lui hai deciso.
Bisogna anche ricordare che quando gioca (con il padrone o con un suo giocattolo ecc…) o quando si trova davanti ad uno stimolo intenso (e per un cucciolo ci sono molti stimoli intensi) sarà più probabile che sporchi; quindi anche dopo queste attività sarà utile portalo nella sua lettiera oppure fuori ed attendere.
Spesso l'educare un cucciolo nello sporcare richiede una grande prova di pazienza per noi esseri umani, quasi ci fossimo dimenticati quanto è stato difficile anche per noi, dopo l'averci tolto il pannolino, imparare ad usare il vasino, per non parlare dei nostri genitori che nell'impresa hanno perso un bel po' di tempo ed hanno accumulato un buon numero di fallimenti.
Nonostante ciò tutti i cuccioli d'uomo imparano (presto o tardi) ad usare il bagno così come ogni cane impara a non sporcare nella sua casa; in entrambi i casi basta non arrendersi davanti ai primi fallimenti ed avere un po' di tempo da dedicare all'impresa!